17 Gennaio 2022
7.8 C
Genova
Home Dalla Redazione IF YOU KNOW YOUR HISTORY...

IF YOU KNOW YOUR HISTORY…

Oggi 28 novembre nel 1982 era in programma al Ferraris il derby d’andata…57.815 spettatori…dicasi 57.815…pigiati come sardine affollarono quella domenica “O Campo do Zena”…più si dice altri 2.000 circa non paganti, oddio “non paganti” si fa per dire, perchè non credo che il mitico “Sciu Rensu” facesse entrare qualcuno gratis…comunque era il primo derby in serie A dopo cinque anni: dalla zuccata di Pruzzo sotto la sud…come scrisse Gianni Brera nel presentare la partita su “La Repubblica”: “Su Genova infuria lo scirocco, portatore di frequenti piovaschi…”…ed infatti quella domenica la pioggia non mancò rendendo il terreno di gioco scivoloso e questo non fece altro che aumentare gli scontri tra i giocatori in campo…come se ce ne fosse stato bisogno!!…Al 2° minuto la Sampdoria colpì una traversa, poi al 9° minuto si portò in vantaggio con una classica azione in puro stile “avete più culo che anima”: rinvio con le mani di Martina, Viola si scontrò con Peters sulla tre quarti campo rossoblù, la palla venne recuperata da Mancini, il quale avanzò pochi metri per poi battere con un diagonale Martina in uscita…la partita diventò ancora più elettrica e dura:..tre ammoniti nel giro di pochi minuti…al 19° minuto Mancini nel cercare il raddoppio si infortunò ed uscì…al 25° minuto Briaschi colpì l’incrocio dei pali..al 27° minuto si infortunò Iachini e Gigi Simoni mandò in campo al suo posto Giuliano Fiorini appena arrivato ad ottobre dal Bologna…verso la mezz’ora l’arbitro Agnolin chiamò i capitani a rapporto invitandoli a calmare i compagni, il tutto con risultati “ottimi”: infatti Corti venne subito ammonito e al 36° minuto lo stopper blucerchiato Guerrini abbattè lo stesso Corti sulla linea laterale e venne espulso…poi, prima dell’intervallo, secondo palo colpito dal Genoa con Faccenda sotto la Nord…

Nella ripresa il Grifone in superiorità numerica attaccò alla ricerca del pareggio…Onofri e Fiorini ebbero due occasioni per pareggiare, ma il portiere Bistazzoni le neutralizzò…i minuti passavano…ma niente…sembrava una di quelle partite stregate…al 80° minuto però Scanziani rinviò corto, Viola si impadronì della sfera e, qualche metro fuori dal vertice destro dell’area di rigore, sparò una fucilata in diagonale che Bistazzoni respinse corto, sulla palla, che restò lì ferma a pochi metri dalla porta, si catapultò Giuliano Fiorini che anticipò Scanziani e in scivolata la insaccò in rete sotto la gradinata dei foresti segnando così il suo primo gol con la maglia rossoblù…1-1…e fine delle trasmissioni…oggi purtroppo Fiorini non è più tra di noi, ma, a distanza di 39 anni, io, quella sua zampata la porto e la porterò sempre nel cuore…❤💙

Luigi Carbonara

 

Andrea Steganihttps://www.realtagenoana.it/2021/02/05/mio-padre-genoano/
47 anni, grafico web designer. Il Genoa è la mia malattia fin da bambino. Mi ritrovo molto in questa citazione: non amo il calcio, amo il Genoa!

ARTICOLI RELATIVI

ULTIMI ARTICOLI

REALTÀ GENOANA NEL MONDO

TG Realtà Genoana

UNA DOMENICA QUALUNQUE

TG Realtà Genoana

RADIO ZENA


PALINSESTO ROSSOBLU’

Grifoni On Air – Ore 19.00
Lun, Merc
Genoa 1893 
Ogni volta che gioca il Grifone 45 minuti prima della partita e 15 minuti dopo la fine!

I più letti

REALTÀ GENOANA NEL MONDO

TG Realtà Genoana

UNA DOMENICA QUALUNQUE

TG Realtà Genoana