31 Gennaio 2023
8 C
Genova
HomeDalla RedazioneSull’orlo di una crisi di nervi

Sull’orlo di una crisi di nervi

Questo è lo stato d’animo del tifoso moderno.

Lo specchio mediatico che riflette, meglio di altri contesti, la filosofia aziendale del mondo calcio, versione anni 2000, è la trasmissione relativa al mercato condotta da Bonan/Di Marzio su SKY.

Confezionata in modo accattivante e filo-goliardico, sfrutta i tempi della diretta con la leggerezza ed il paraculismo di maniera necessario alla bisogna per ottenere share da capogiro. Bravi, come sono bravi, dico io.

Allora, mi dico sempre io, questa è una vera trasmissione di evasione ???.

-No, caro mio tifosetto del belino, questo è il sistema calcio che ti “impone” i suoi canoni, le sue leggi, le sue follie, le sue proprie regole mediatiche !!!-

-Sì, però, vuoi mettere, coscienza dei miei stivali, io posso imparare, in tempo reale, sconosciute ed importanti trattative imbastite dalla mia squadra del cuore !!! Questo mi serve per sognare…-

– Bravo, te le bevi proprio tutte eh ??? Ma hai mai pensato al teatrino che viene messo su tutte le volte dal bravo presentatore per far credere al mondo intero che fiumi di capitali vengono dissipati in mega operazioni degne del miglior James Bond di Conneryana memoria ???-

Proprio qualche tempo fa,diversi anni fa veramente,  ho sentito crollare le mie certezze allorquando, ospite in studio il DS della  Roma, magnificavano il suo operato circa la vendite di due” top” players: Kjaer e Cavani, ai tempi del Palermo:

“….omississ, questo è stato acquistato a 4mln e venduto a 10 ma, Alessandro, la vera opera d’arte è stata la vendita del secondo, preso a 4mln e rivenduto a 16mln, una supermegaplusvalenza !!!!”

Ecco, a quel punto mi sarei aspettato un piccolo pensiero rivolto ai tifosi “stuprati” dal bilancio aziendale…..NADA DE NADA.

Gli anni successivi ??? Un crescendo rossiniano… fan*ulo !

Noi ci incazziamo, ci offendiamo, ci esaltiamo o deprimiamo per il Nostro Mito (Tale lo abbiamo fatto diventare in 129 anni di Storia) accapigliandoci per un Papa che arriva o se ne va. Io, personalmente, mi soffermerei di più sul concetto di credere ancora ad un mondo, quello del calcio, che con la sua deriva attuale, sta bruciando Concetti Primari come Passione, Tradizione,Amore, Appartenenza, Fede…..

Questo mi chiedo.

Parafrasando Nanni Moretti, fra qualche anno, potrei domandarvi:”Dimmi qualcosa di GENOANO…”

PS: Se accettiamo questo mondo dobbiamo farlo fino in fondo, al contrario si rischia di diventare poco credibili.

A questo punto, per me , è fin troppo facile urlare: FORZA VECCHIO CUORE ROSSOBLU  !

Domani è un altro giorno……

Abraços.

Giovanni Butelli

Andrea Stegani
Andrea Steganihttps://www.realtagenoana.it/2021/02/05/mio-padre-genoano/
47 anni, grafico web designer. Il Genoa è la mia malattia fin da bambino. Mi ritrovo molto in questa citazione: non amo il calcio, amo il Genoa!

ARTICOLI RELATIVI

Nella mia mente: Spagna.

Il Caffè di Fausto

Stasera telefono a Messi

“CI SERVE ALTRO”

Il Pensiero di Ferra

CHI NON LOTTA HA GIÀ PERSO

Da Grugliasco a Biella

SUDORE

Il Caffè di Fausto

Il Caffè di Fausto

PREPOTENZA

UNA SCONFITTA MENO AMARA

Complotti e Dietrologie

C’ERA UN TEMPO

L’anno che verrà

ULTIMI ARTICOLI

TG Realtà Genoana

TG Realtà Genoana

TG Realtà Genoana

I più letti

TG Realtà Genoana

TG Realtà Genoana

TG Realtà Genoana