06 Aprile 2024
16.9 C
Genova

MAL DI TESTA

Il mal di testa mi tormenta da stamattina.
Non c’è rimedio, la pressione barometrica sale e scende tutto il giorno scandendo le ore.
Me lo tengo, la giornata sarà lunga e il pensiero va alla sera, al campo.

Il mal di testa sale, il rullo dei tamburi mi martella la testa.
Va bene così, so che stasera ci sarà da penare.
La maccaia impedisce la dispersione della nebbia dei fumogeni, bassa pressione.

L’estremo difensore della Salernitana si supera sulla perfetta incornata di Dragusin.
Lo salvano due volte i pali, su spizzata di Badelj e tiro fantastico di Retegui.
Nulla può sul tiro di Albert ma prima che finisca il primo tempo compie un’altro miracolo su Sabelli.
Alta pressione.
Il mal di testa, misteriosamente, sale

Il secondo tempo regala poche emozioni.
Un paio di volte Albert è un po’ troppo egoista, ma gli attaccanti devono esserlo.
La Salernitana, a parte sprazzi di buona volontà, non fa molto di più che nel primo tempo.
Un po’ più di zero, zero più!
Il mal di testa continua a salire

Il vento del Bisagno ci accompagna felici verso casa.
Vittoria importante, lo testimonia la gioia generale della Gente Rossoblù.
Si canta sulla metro: “Forza grande Genoa la senti questa voce…”
Il mal di testa è lí, non demorde

Arrivato a casa mi capita di leggere le dichiarazioni dell’allenatore della compagine salernitana: “meritavamo il pareggio”
Rivivo mentalmente le cinque nette occasioni da gol del primo tempo.
Inizio a ridere da solo, felice, non so che partita abbia visto.
Forse aveva troppo mal di testa per essere lucido.
L’alta e la bassa pressione a Genova, cambiano di continuo, possono giocare brutti scherzi.
Il mio mal di testa, improvvisamente, è sparito.

Non è finita, non è mai finita, non finirà mai!
Forza Genoa!
Alberto Scotto

Alberto Scotto
Alberto Scotto
Alberto Scotto nato e cresciuto a Marassi, vive e lavora nei Caruggi. Insieme alla passione e all'amore per la lettura, per la vita all'aria aperta, per la socialità, per la sua compagna di vita e i tre grifoncini che le svolazzano intorno coltiva, irrimediabilmente, la passione e l'amore per il dannato vecchio CFC. "Il Genoa è l'irrazionale a cui abbandonarsi e lasciarsi trasportare"

ARTICOLI RELATIVI

DOLCEAMARODOLCE

LA SCINTILLA

ESTATE 1994

Il caffè di Fausto

ATTIMI

Svarioni di Michele Bitossi

Il Caffè di Fausto

Il Caffè di Fausto

“AL CAMPO”

Il Caffè di Fausto

IL RECORD

Il Caffè di Fausto

Il Caffè di Fausto

Il Pensiero di Ferra

ULTIMI ARTICOLI

CIAK SI GIRA

DOLCEAMARODOLCE

LA SCINTILLA

I più letti

CIAK SI GIRA

DOLCEAMARODOLCE

LA SCINTILLA