03 Dicembre 2021
7.9 C
Genova
Home Dalla Redazione IF YOU KNOW YOUR HISTORY… Abbadie

IF YOU KNOW YOUR HISTORY… Abbadie

Il 1 novembre di 64 anni fa era in programma, di venerdì, al Ferraris il recupero del derby d’andata sospeso undici giorni prima per maltempo. Il Genoa, che aveva appena cambiato allenatore, Annibale Frossi al posto di Renzo Magli, era ultimo in classifica e non aveva ancora vinto una partita in sette giornate. La Sampdoria era invece al 8° posto.

La partita non cominciò benissimo per il Genoa che andò in svantaggio al 23° minuto con un gol realizzato dal sudafricano Firmani. La situazione rimase immutata fino a quando decise di entrare in scena Julio Cesar “El Pardo” Abbadie che, al 40° minuto, come scrisse l’ex Ct della Nazionale Vittorio Pozzo su “La Stampa”: “…fa tutto meno che spedire il pallone in rete. L’uruguayano avanza, giunge in ottima posizione, passa ad un compagno, torna a ricevere, spara, colpisce il palo, vede la palla schizzare sulla sua sinistra: e qui arriva in corsa l’ala Firotto e sospinge d’impeto in porta”. 1-1. Nel secondo tempo il Genoa attaccò sotto la Nord.

Al 1° minuto Delfino servì a metà campo Abbadie che, come scrisse sempre Vittorio Pozzo su “La Stampa”: “…fugge sulla destra, ha le ali ai piedi e batte tutti; giunto in area egli chiude al centro, si porta a breve distanza dal montante e passa raso terra e con grande precisione a Corso che ha seguito l’azione; Corso spara subito con gran forza e per la seconda volta il portiere della Sampdoria è battuto”. 2-1. Così continuò il suo resoconto Vittorio Pozzo: “Abbadie è lanciato ora; ogni tanto egli sfodera una volatina ed a grandi falcate pianta in asso tutti. Su una di essa il laterale Vicini nel tentativo di fermarlo si fa male e deve lasciare il campo. In altra occasione è il portiere Rosin che si ferisce in uno scontro con l’uruguayano. Finchè Abbadie, sul quale si è fatto Ocwirk, in veste di sorvegliante, capisce il vento infido, va finire all’ala destra e si quieta”.

Con Abbadie a “riposo” ci pensarono allora i suoi compagni a mettere al sicuro il risultato realizzando il terzo gol alla mezz’ora con un tiro al volo di Leoni. 3-1 il risultato finale di quel derby giocato più di 60 anni fa e che è passato alla storia rossoblù come il “derby di Abbadie”…anzi un quotidiano il giorno dopo titolò proprio: “Abbadie batte Sampdoria 3-1”.

Luigi Carbonara

Andrea Steganihttps://www.realtagenoana.it/2021/02/05/mio-padre-genoano/
47 anni, grafico web designer. Il Genoa è la mia malattia fin da bambino. Mi ritrovo molto in questa citazione: non amo il calcio, amo il Genoa!

ARTICOLI RELATIVI

MOMENTO GENOA

LA MONTAGNA DA SCALARE.

Le pagelle di Genoa Milan

FALSI MURALISTI

CLOSING DI UN ERA

La mano di Sheva si vede…

IF YOU KNOW YOUR HISTORY…

VECCHI LAMPI ROSSOBLÙ A UDINE

ALLIBRATORE ROSSOBLU

UDINESE-GENOA 3-5

IL PUNTO DI EDO

RISORGIMENTO ROSSOBLU’

Le Mie Scuse Più Sincere

ULTIMI ARTICOLI

MOMENTO GENOA

TG REALTA’ GENOANA

LA MONTAGNA DA SCALARE.

Le pagelle di Genoa Milan

RADIO ZENA


PALINSESTO ROSSOBLU’

Grifoni On Air – Ore 19.00
Lun, Merc
Genoa 1893 
Ogni volta che gioca il Grifone 45 minuti prima della partita e 15 minuti dopo la fine!

I più letti

MOMENTO GENOA

TG REALTA’ GENOANA

LA MONTAGNA DA SCALARE.

Le pagelle di Genoa Milan