07 Ottobre 2022
17.4 C
Genova
HomeDalla RedazioneIl duro mestiere del portiere del Genoa

Il duro mestiere del portiere del Genoa

C’è un mestiere difficile, forse il più difficile al mondo. Un mestiere che chiunque preferirebbe non fare, perché davvero, accetteresti il lavoro più umile ma questo, dai, no.
Truccatore dei morti? No.
Inseminatore manuale di Vacche? No.
Assaggiatore di catrame? Acqua.
Stiamo parlando di fare il portiere al Genoa.

A parte le epoche eroiche ed i pionieri si conta forse un solo vero idolo della curva. Silvano Martina. Chi scrive questo pezzo non ha avuto il piacere di vederlo in campo, per cui questa analisi parte da Giovanni Cervone. Portiere umorale, fisico straripante, carisma. Per ricordo tramandato oralmente, accettato bene ma non idolo.
Passiamo ad Attilio Gregori. Portiere che adesso non giocherebbe per via della sua altezza ( oggigiorno se non sei 1.90.minimo non giochi) fu autore di alcune topiche. Bocciato.
Simone Braglia fa parte del Genoa migliore del dopoguerra, lo ha fregato il dualismo con Pagliuca, che era più fashion e smargiasso. Lo fregava anche il look con quelle maglie gialle che gli imponeva Spinelli. Comunque sul podio dei numeri 1 Genoani recenti.
Arriviamo a Tacconi. Doveva essere il portiere dello scudetto della Stella per il Centenario. Quæsi. Entrò in conflitto con la Nord per motivi che ignoro, e che continuo a volere ignorare. Amavo Tacconi, le sue maglie ed i suoi baffi e gli auguro di tornare a stare bene. Tralasciando Berti e Micillo passiamo a Spagnulo, portiere stratosferico, un atleta vero, passato di qui in un momento difficile. Mai contestato ma mai vero idolo. Cronologicamente poi abbiamo nuovamente Berti e l’avvocato Ielpo. Quest ultimo paga la sciagurata partita di Ravenna, quindi da li in poi vituperato. 1998 ecco Soviero. Presentato come il miglior portiere della serie C ( apro parentesi: sta cosa mi ricorda il ” prodotto dell’anno ” ma per chi?) Diventa in un secondo il mio idolo e rimane tale ancora oggi. Litiga con la Nord ma non voglio sapere il motivo come per Tacconi. Doardo scivola nell anonimato, segue un’epoca buia a dir poco. I vari Brivio, Campagnolo, e simili mi fanno venire ricordi trasudanti di bestemmie. Lorieri parentesi felice, con tanto di coro personalizzato ( Salta con noi Fa-brizio Lo-rieri), El Ouaer folkloristico anche se gli si da atto di una paratona nel derby. Negli ultimi anni contiamo Massi Gazzoli ( miglior portiere della C nella Lucchese, e dagghe) insultato a mezzo stampa da Donadoni, Scarpi che il suo lo ha fatto, Nicolabarassounodinoi scritto tutto attaccato, Rubinho anello debole del miglior Genoa dell era Preziosi, Amelia odiato all improvviso, Frey inquartato ma sempre signor portiere, Perin che dopo un inizio difficile si prese la porta ed il cuore dei tifosi, quasi un secondo Martina. Dopo di lui il nulla.

Radu disegnato sulla linea, Perin versione capello corto inviso perché della Juventus e penalizzato da infortuni, ed infine Sirigu odiato dopo mezzo campionato.
Poi però arriva Lui. Fa una partita in coppa Italia con il Milan. Para. ( cosa per la quale un portiere viene pagato) non gioca mai più ma tanto basta a farlo diventare il Lucho Figueroa dei portieri. Semper. Memento Rompere il cazzo al portiere Semper. Semper è fortissimo. Lo seguo da quando giocava nei pulcini in Romania. Semper? Lo prendevo sempre a PC Calcio. Io a Semper affiderei i miei figli ed i miei risparmi. Una volta miocuggino è caduto con la moto si è tolto il casco e poi era Semper. Un mito basato su 90 minuti di gloria. Arriva Martinez. Ma cazzo lo prendi a fare, hai Semper. Gioca Martinez, prende un goal perché nel calcio moderno si marca a zona sui calci d’angolo. Eh ma Semper l’avrebbe dominata l’area piccola. Prende goal al 196esimo allungandosi ma non arrivandoci: eh ma a Semper ho visto fare una parata negli allievi in un Otelul- Arges Pitesti simile alla dinamica del goal preso da Martinez quindi poso evincere che lo avrebbe parato lui quel tiro. Tutto questo per dire: la porta del Genoa è lunga il doppio di quella delle altre squadre. Fare il portiere qui è difficile più che in ogni altra squadra. Però oh, sarà che faccio il portiere ma la prima cosa che guardo quando il Genoa scende in campo è la maglia del portiere. Questo succede da che vado allo stadio, ed il portiere del Genoa per me sarà il più forte. Semper

Simone Ruscino

Andrea Stegani
Andrea Steganihttps://www.realtagenoana.it/2021/02/05/mio-padre-genoano/
47 anni, grafico web designer. Il Genoa è la mia malattia fin da bambino. Mi ritrovo molto in questa citazione: non amo il calcio, amo il Genoa!

ARTICOLI RELATIVI

Spal Genoa 0-2 le pagelle

Spal-Genoa Accoglienza

MA SE INVECE…

Il caffè di Fausto

LE PAGELLE DI GENOA-MODENA 1-0

CHE ROBA E’ QUESTA SERIE B

IL PESO DELLE PAROLE

BASTA DISFATTISMI

In Ricordo di Davide

IT’S A TRAP

Ci vuole calma

NELLE FAUCI DELLA FOLLIA

EQUILIBRIO

ULTIMI ARTICOLI

IL SILENZIO

TG Realtà Genoana

RADIO ZENA


PALINSESTO ROSSOBLU’

Grifoni On Air – Ore 19.00
Lun, Merc
Genoa 1893 
Ogni volta che gioca il Grifone 45 minuti prima della partita e 15 minuti dopo la fine!

I più letti

IL SILENZIO

TG Realtà Genoana